English version

English version
English version

Translate

Cerca nel blog

esiti

esiti
da Google voce: Capogrossi design"

DEEPS Design - profondità progettuali.

Design and Evolution ofExperimentalPrototypesSuggested.

Experimental Experience and Evolution of Platforms Subjects -Project Prototypes/Serial Product & web-communication strategy - crowdsourcing Design.

Progetto sperimentale di interoperabilità di ricerca e didattica di Data-Design condotto attraverso innovativi scenari e forme di organizzazione dei processi di apprendimento interattivo e collettivo.
PROGETTI, SPERIMENTAZIONI E PROTOTIPI CON DIFFERENTI MATERIALI - Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione - crowdsourcing design - modalità progettuali con utilizzo di piattaforme creative INTERACTIVE SYSTEM TO EVOLUTION OF CREATIVE PLATFORMS -

deepsdesignbycp@gmail.com

DEEPS DESIGN by Cecilia Polidori - http://deeps-design.blogspot.it

DEEPS DESIGN 1 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign1.blogspot.it

DEEPS DESIGN 2 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign2byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 3 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign3byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 4 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign4byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 5 by Cecilia Polidori -http://deepsdesign5byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 6 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign6byceciliapolidori.blogspot.it

Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione.

La realizzazione di un Laboratorio di Design - DEEPS Design atto a fornire spazi e strumenti per l’elaborazione, variazione e controllo di manufatti sperimentali e la possibilità di elaborare prototipi e componenti seriali e o strutturali inseribili nella realtà produttiva costruttiva.

I materiali come la carta, la ceramica, la plastica, il legno, offrono un ampio spettro di variazioni e possibilità di sperimentazione progettuale e di studio e, inoltre, quali fonti sostenibili di materia di recupero, possibilità di riutilizzo e riciclo.

venerdì 9 novembre 2012

rispetto delle correzioni


Sara è rimossa.

c'era una e SOLA frase da correggere oltre il titolo,
1a versione: LA DOLCE VITA NEL DESIGN ma che significa? / 
2a versione: dolce vita...figure di stile  idem: ma che significa?
Nel febbraio 1960, poco più di 50 anni fa, veniva proiettata per la prima volta al Cinema Capitol di Milano, La Dolce Vita, uno dei capolavori di Federico Fellini .(http://cinemio.it/film-italiani/cinquantenario-la-dolce-vita/2988/)
Qui ritroviamo una delle scene più famose e conosciute del film utilizzata, come esercitazione, da Azzurra Micalizzi durante il corso di disegno industriale dell'anno 2011/2012 http://ceciliapolidoritwicedesign4.blogspot.it/ aggiungendo oggetti di design anch'essi realizzati dagli studenti http://ceciliapolidoritwicedesign4.blogspot.it/2012/06/il-design-seducente-bis.html http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/ Nell'immagine, i tre scatti esprimono al meglio come Sylvia, interpretata da Anita Ekberg, incantata dal fascino magnetico della fontana, non può che immergersi nelle sue acque dando corpo a quella danza ammaliante che suggella una delle scene più famose della storia del cinema assieme a Marcello Rubini, Marcello Mastroianni, che la accompagna tra le meraviglie della capitale. http://www.italiadelcuore.it/2012/09/28/la-fontana-di-trevi/
La sua bellezza e sensualità sono esaltate dai gioielli che indossa. 
In un primo scatto troviamo inconfondibile Zizi Armband realizzato da Enza Lacopo con fil di ferro e das prendendo spunto dalla "scimmietta Zizi" di Bruno Munari, giocattolo in gommapiuma malleabile, prodotto nel 1953 dalla Pigomma http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/bracelet-zizi-sto-provando.html
Successivamente vediamo Sylvia portare con estrema grazia il My Odalisca Bracelet di Giusy Fazio realizzato in das, dove troviamo come tema centrale Ettore Sottsass e le sue ceramiche, in particolare il Totem Odalisca creato nel 1986 da Sergio Cammilli con l'obiettivo di introdurre l'arte nelle case, conferendo loro verbo domestico. http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/my-odalisca-bracelet.html
Infine, vediamo in ben 4 dettagli lo Skep Bracelet di Maria Lorenza Crupi, che ha voluto creare un effetto di movimento e profondità attraverso le forme ed i colori che riporta a quelle semplici della natura, come le cellule di una spugna marina, agli alveoli di un'arnia o, semplicemente, agli occhi, 

(ecco la frase da correggere oltre il titolo: 1a versione con correzioni, vedi DEEPS DESIGN 1 by Cecilia Polidori: post con qualcosa da correggere per aver 1/size S ):
usando i rotoli di cartonedella carta igienica ?? della?? i?? di semmai: "utilizzando rotoli di cartone" ed è sufficiente specificare "recuperato", "riciclato"! e poi: trattato, verniciato, piegato, assemblato. le medesime 3 parole, ma specifiche e riferite al trattamento del cartone.
quindi: "utilizzando rotoli di cartone recuperato (o riciclato) poi trattato, verniciato, piegato, assemblato.
invece ecco la 2a versione mal copiata e con errori: 
riciclando rolini   cheparola è?di catone r, dipingendoli dopo averli piegati e spilati che parola è? fino ad ottenere la forma prestabilitapre? e perché non stabilita, già ma quale?
Questi Paper Bracelets esaltano la leggiadria della bellissima Sylvia anche agli occhi dell'estasiato Marcello invitato ad entrare nella fontana con lei, sottolineando il design della dolce vita: chiaro, netto e senza retorica.                                                                                                                  
Sara Caridi

Nessun commento:

Posta un commento