English version

English version
English version

Translate

Cerca nel blog

esiti

esiti
da Google voce: Capogrossi design"

DEEPS Design - profondità progettuali.

Design and Evolution ofExperimentalPrototypesSuggested.

Experimental Experience and Evolution of Platforms Subjects -Project Prototypes/Serial Product & web-communication strategy - crowdsourcing Design.

Progetto sperimentale di interoperabilità di ricerca e didattica di Data-Design condotto attraverso innovativi scenari e forme di organizzazione dei processi di apprendimento interattivo e collettivo.
PROGETTI, SPERIMENTAZIONI E PROTOTIPI CON DIFFERENTI MATERIALI - Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione - crowdsourcing design - modalità progettuali con utilizzo di piattaforme creative INTERACTIVE SYSTEM TO EVOLUTION OF CREATIVE PLATFORMS -

deepsdesignbycp@gmail.com

DEEPS DESIGN by Cecilia Polidori - http://deeps-design.blogspot.it

DEEPS DESIGN 1 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign1.blogspot.it

DEEPS DESIGN 2 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign2byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 3 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign3byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 4 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign4byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 5 by Cecilia Polidori -http://deepsdesign5byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 6 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign6byceciliapolidori.blogspot.it

Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione.

La realizzazione di un Laboratorio di Design - DEEPS Design atto a fornire spazi e strumenti per l’elaborazione, variazione e controllo di manufatti sperimentali e la possibilità di elaborare prototipi e componenti seriali e o strutturali inseribili nella realtà produttiva costruttiva.

I materiali come la carta, la ceramica, la plastica, il legno, offrono un ampio spettro di variazioni e possibilità di sperimentazione progettuale e di studio e, inoltre, quali fonti sostenibili di materia di recupero, possibilità di riutilizzo e riciclo.

mercoledì 31 ottobre 2012

insistere = post diabolico!

tralascio la richiesta base del quadrato, che ancora non vedo.
Turquoise Marilyn, 1964
parliamo dell'elencazione di tutti i bracelets e relativi link delle autrici. facciamo un conto: "Tra le diverse alternative di immagini indicate come tema del primo post "etc etc sono 8 righe inutili, è ripetere il titolo dell'esercitazione, come dire: Titolo, tema ed iniziare con "Il titolo del tema è bla bla".
poi 2 righe: Si tratta di un fotomontaggio del celebre film “Gli uomini preferiscono le bionde” del 1953, interpretato da Marilyn Monroe, e di alcuni “paper bracelets”, realizzati dagli studenti dell’anno accademico 2011/12:
poi 15 righe di elenco, già fornito nelle norme del post, cmq procediamo.
8+ 15 = 23 righe superflue 
e 2 righe valide.
Twenty Times, 1962
poi altre 2 righe valide: L’efficacia dell’immagine nel suo complesso deriva dal fatto che i prototipi, in maniera “provocatoria”, prendono il posto dei gioielli che Marilyn indossava nella locandina e promuoveva tramite la canzone "Diamonds Are a Girl's Best Friend"2+2=4
sarà finalmente venuto il momento di iniziare a parlare dei bracelets?
nisba
Marilyn, 1967
invece ricominciamo con la filippica sulla logica consumistica anni.. boh! 7 righe e non sappiamo nemmeno a che anni ci si riferisca: 50? anno citato nelle righe riferite al film? quelle delle citazioni di Andy Warhol? quella dei ritratti a Marilyn realizzati dal 1962, anno della morte dell'attrice? o dell'opera di A W che ininterrottamente sino all'anno della sua morte 1987 ha dominato e nutrito il panorama pop? CECILIA POLIDORI DESIGN Lezioni - 2010 2011
e dopo esserci addentrati nella tematica pop - e ci allontaniamo dall'immagine da studiare - ecco quelle che servirebbero, se si parlasse di Warhol, poi quand'è che parliamo del soggetto, ovvero di ciò che entusiasma Marilyn nell'immagine di partenza?
Marilyn Monroe's Lips, 1962
conto finale:
8+ 15 = 23 + 7 = 30 righe superflue o fuorvianti
2+2=4 valide.
pochino. 
cp

"BRACELETS ARE A GIRL'S BEST FRIEND"

Tra le diverse alternative di immagini indicate come tema del primo post (http://deeps-design.blogspot.it/p/il-corso-modalita-e-prerogative.html), quella che viene di seguito analizzata, dal titolo “Bracelets are a girl’s best friend”, è stata pubblicata da Maria Chiara Grasso (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 4 - http://ceciliapolidoritwicedesign4.blogspot.it/2012/06/bracelets-are-girls-best-friend-seconda.html) e successivamente rielaborata dalla prof.ssa Polidori (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 4http://ceciliapolidoritwicedesign4.blogspot.it/2012/06/ci-provo-anchio.html).
Si tratta di un fotomontaggio del celebre film “Gli uomini preferiscono le bionde” del 1953, interpretato da Marilyn Monroe, e di alcuni “paper bracelets”, realizzati dagli studenti dell’anno accademico 2011/12:
·    Bill Bracelet di Maria Chiara Grasso, scaturito dallo studio di una serigrafia di Max Bill del 1962, ovvero “Quadrato bianco completato da colori primari” (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 3 - http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/bill-bracelet-versione-in-legno.html);
·    Mondrian Bracelet di Giusy Fazio, che fa riferimento ai quadri “non rappresentativi” di Piet Mondrian (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 3 - http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/02/mondrian-bracelet.html);
·   My Bracelets Keith Haring di Immacolata Lacopo, derivante dalle opere di Keith Haring (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 3 - http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/03/my-bracelets-keith-haring.html);
·   My Meo Romeo Bracelet di Domy D’amico, ispirato al gatto Meo Romeo, progettato da Bruno Munari nel 1952 (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 3  - http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/my-meo-romeo-bracelet.html);
·   My Odalisca Bracelet di Giusy Fazio, che si rifà al Totem Odalisca prodotto da Ettore Sottsass  per la collezione Mirabili Arte d’Abitare (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 3 - http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/my-odalisca-bracelet.html);
·   My Totem Bracelet di Enza Lacopo, influenzato dal Totem Odalisca e da due Totem prodotti da Ettore Sottsass  nel 1964 per la collezione Flavia (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 3 - http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/my-totem-bracelet.html);
·  Skep Bracelet di Maria Lorenza Crupi, ispirato alla forma delle cellule delle spugne marine (CECILIA POLIDORI TWICE DESIGN 3 - http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/skep-bracelet.html).
L’efficacia dell’immagine nel suo complesso deriva dal fatto che i prototipi, in maniera “provocatoria”, prendono il posto dei gioielli che Marilyn indossava nella locandina e promuoveva tramite la canzone "Diamonds Are a Girl's Best Friend".
Nella logica della società dei consumi, la notorietà di Marilyn Monroe rende la sua immagine un potentissimo strumento di promozione, poiché, come sosteneva Andy Warhol, icona per eccellenza della cultura pop, “la gente comprende solo ciò che conosce”. Dunque se l’indimenticabile Marilyn rappresenta “un mito da consumare”, ecco che le sue affermazioni si trasformano in slogans e i bracciali che indossa diventano degli oggetti da desiderare e nei quali potersi riconoscere, “fatti per essere consumati”.
“Nulla serve a nulla, l’unica cosa che rimane da fare è consumare”.
(Andy Warhol)
Mariangela Blefari

Nessun commento:

Posta un commento